Dal Forum
Re:un saluto a tutti
claudio 11-02-12 17:26
Re: un grazie particolare
Millo 25-11-09 14:49
un grazie particolare
soleado 23-11-09 23:11
una preghiera per i nostri ragazzi di kabul
soleado 17-09-09 23:24
Re:un saluto a tutti
Millo 10-06-09 23:09
un saluto a tutti
soleado 09-06-09 23:44
Eccomi!!!
LaCrocedelSud 28-05-09 07:44
Re:cantico al somaro
Millo 16-10-08 20:03
ReRazzromessa.
Millo 01-12-07 00:47
ReVery Happye colores a tutti
Millo 01-12-07 00:44

Altri post ...
Calendario
Ottobre 2017
L M M G V S D
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Accesso al Sito
Utenti Online
No
Siti amici
Banner


Banner
Banner
Banner
Statistiche

PostHeaderIcon E' tempo di nuove scelte ...

logo rossoverde 

E’ tempo di nuove scelte ...

Come ogni fine triennio, è arrivato il momento di rinnovare i gruppi operativi e tutti gli incarichi dei responsabili che scelti dai gruppi stessi, compreso il coordinatore diocesano, hanno guidato in questi 3 anni il Movimento nella nostra Diocesi e si dovranno fare nuove scelte per i prossimi 3 anni.

Per chi non avesse seguito la scuola di formazione, questi incarichi di cui si parla, sono incarichi di servizio, che richiedono tempo, dedizione, amore e presenza e proprio perché l’assunzione di questi incarichi presuppone un grosso impegno per il responsabile, è necessario un serio discernimento compiuto all’interno della propria vita e nel Movimento, per poter comprendere il livello di abnegazione che si può donare, in base alla propria situazione personale. Non è quindi un impegno part-time o a mezzo servizio, pertanto chi verrà proposto come candidato, deve sapere che non esistono deleghe. Il corsista che  liberamente decide di dare la propria disponibilità e i propri talenti al Signore, per mandare avanti tutte le attività del Movimento in diocesi, ha l’obbligo morale di portare avanti gli obiettivi, cui l’incarico che ricopre presuppone. Le modalità sono naturalmente scandite dal nostro Statuto e Regolamento e saranno seguite tutte le indicazioni in modo da fare tutto nella massima regolarità e trasparenza.

Questo articolo servirà da qui a fine settembre a ricordare i tempi e i modi in cui avverrà il processo di formazione dei gruppi operativi e l’elezione dei responsabili dei gruppi con il coordinatore diocesano, allo scopo di informare tutti al meglio cercando di non creare confusione. Proprio per fare le cose con la giusta calma, tutto il processo avverrà in 3 tappe, nelle date già condivise in coordinamento attraverso il calendario (distribuito a tutta l’ultreya in gennaio). L’elezione dell’ animatore spirituale invece, spetterà al nostro vescovo e come tale dovremo rispettarne le scelte.

Prima tappa: lunedi 30 giugno 2014 (liturgia per adesione all’Associazione)

Lunedi 30 giugno, si è celebrata la consueta liturgia di adesione che quest’anno assume anche carattere elettivo. Tutti i fratelli e sorelle che hanno voluto liberamente dare il proprio contributo e i propri talenti al Signore, per lavorare attivamente a tutte le attività operative del Movimento, tramite il gesto simbolico della firma di un modulo, al termine della liturgia, hanno indicato il gruppo operativo cui si è voluto dare il proprio contributo. Si ricorda che l’adesione ai gruppi operativi non si da in base alle amicizie o alle simpatie delle persone che ne fanno parte, ma solo in base ai propri talenti e attitudini, in modo che la propria presenza possa essere di massima utilità per il Signore e per tutta la comunità. La segreteria ha comunicato nello scorso coordinamento ai responsabili dei gruppi uscenti, convocato dal coordinatore uscente (primi di luglio), la composizione dei nuovi gruppi, in modo che ognuno possa riunirsi di li a breve ed eleggere il nuovo rappresentante di gruppo per arrivare così alla seconda tappa di settembre.  Chi non fosse stato presente lunedi 30 per l’adesione, e vuole dare anche la propria adesione, può comunicarla alla segreteria o al coordinatore diocesano.

Seconda tappa Mercoledi 17 settembre:(Riunione Scuola Responsabili)

In questa seconda tappa si riunirà tutta la Scuola Responsabili (ossia tutti coloro che avranno dato la propria disponibilità nei gruppi operativi). In questa sede, ogni gruppo operativo che si è riunito a seguito delle adesioni di giugno, comunicherà il proprio responsabile, liberamente eletto con voto segreto ed esprimendo una sola preferenza, dai componenti del gruppo stesso, il quale insieme agli altri responsabili di gruppo, andranno a comporre il nuovo coordinamento.

Dopo tale comunicazione si procederà alla votazione della terna di nomi dei possibili candidati per l’incarico di coordinatore diocesano.

Ognuno dei votanti riceverà una scheda sul quale dovrà indicare al massimo 2 preferenze. In questa votazione non sono ammesse deleghe, per cui tutti i responsabili che vorranno esprimere la propria preferenza, dovranno essere presenti.

I primi tre nomi che riceveranno più preferenze, andranno a comporre la terna da cui il nuovo coordinamento diocesano poi voterà nell’ultima tappa, il nome del nuovo coordinatore diocesano.

Terza tappa Mercoledi 1 Ottobre: (coordinamento diocesano elettivo)

In questa prima riunione, il coordinamento nominerà in base alle preferenze espresse dai gruppi, sulla terna uscita dalla precedente riunione della Scuola Responsabili, il nuovo coordinatore diocesano. Verrà altresì comunicato ufficialmente anche il nuovo animatore spirituale diocesano a seguito delle indicazioni del vescovo. In questa riunione lo stesso coordinamento dovrà decidere sul gruppo scuola, ossia se confermare il gruppo che ha lavorato in questo triennio oppure nominare nuovi elementi. Il nuovo gruppo scuola, nominerà autonomamente colui che ricoprirà l’incarico di rettore della scuola e completare così il nuovo coordinamento. Allo scopo di agevolare tutti nella comprensione e nella consapevolezza di tutte queste fasi elettive, e su cosa basare la scelta delle persone che dovranno assumersi questi incarichi, è allegato, nella pagina successiva, un estratto del regolamento, in cui sono indicate tutte le norme elettive.

Buon discernimento e Ultreya !

 

Norme generali per le fasi elettive

 

Art. 21

 

Chi può essere eletto. Le cariche di Coordinatore Diocesano, Animatore Spirituale Diocesano, Responsabile di Gruppo Operativo, Responsabile d’Ultreya, possono essere assunte da coloro che abbiamo partecipato attivamente per almeno negli ultimi tre anni alle attività della Scuola Responsabili.

 

Il responsabile eletto, qualora non l’avesse già fatto negli ultimi tre anni, dovrà partecipare, pena la decadenza dell’incarico, entro un anno dalla elezione, al Cursillo per Responsabili.

 

Norme:

 

1. Non è consentito il cumulo di cariche elettive. Pertanto chi dovesse risultare eletto o designato per più incarichi, dovrà optare per uno solo di questi, dandone conferma scritta entro una settimana dall’elezione.

 

2. Le cariche hanno durata triennale. Dopo tre trienni consecutivi non si può essere eletti in ruoli che comporterebbero la partecipazione al Gruppo di Coordinamento se non dopo una pausa di tre anni.

 

3. A conclusione dei tre trienni può comunque essere assunta nuova carica o incarico diverso rispetto ai precedenti purché superiore.

 

A titolo esemplificativo si citano i seguenti casi:

 

- tre trienni da responsabile di gruppo operativo, può assumere la carica di coordinatore Diocesano;

 

- tre trienni di coordinatore Diocesano, può assumere la carica di coordinatore Territoriale;

 

- tre trienni di coordinatore Territoriale, può assumere la carica di coordinatore Nazionale;

 

- tre trienni da componente del consiglio Nazionale, può assumere la carica di coordinatore Nazionale.

 

4. I candidati sono proposti dalla Scuola Responsabili. Non è accettabile alcuna autocandidatura.

 

5. Le candidature devono essere formulate almeno un mese prima della data di svolgimento delle elezioni.

 

6. Una volta ufficializzate le candidature nel caso in cui un candidato/a designato, per qualsiasi motivo, ritirasse la propria candidatura, non potrà essere sostituito.

 

7. Tutte le votazioni vanno svolte con voto segreto, utilizzando schede opportunamente predisposte.

 

8. Per la validità delle elezioni ai vari livelli, è necessario, in prima convocazione, il raggiungimento del quorum del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto al voto.

 

9. In caso di eletti ex-equo, risulta eletto il più anziano per età anagrafica.

 

10.L’eletto non presente, dopo debita notifica, ha l’obbligo entro una settimana, di esprimere l’accettazione o il rifiuto della nomina.

 

11.A seguito di dimissioni dell’eletto, subentra in carica il primo dei non eletti, che assumerà l’incarico fino alla scadenza del mandato dell’organismo stesso. In caso di rifiuto del primo dei non eletti, si chiederà la disponibilità degli altri non eletti in ordine al numero di voti ottenuti. Chi assumerà l’incarico lo svolgerà fino alla scadenza del mandato dell’organismo stesso. In caso di parità di voti, sarà innanzitutto interpellato il più anziano di età anagrafica.

 

In mancanza di secondi eletti, si torna alle elezioni secondo le norme del can. 119 C.J.C. e il nuovo eletto assumeràcomunque l’incarico sino alla scadenza del mandato dell’organismo stesso.

 

Ordine cronologico dello svolgimento delle elezioni.

 

Le elezioni devono essere svolte seguendo il seguente ordine cronologico:

 

a) Elezione dei Responsabili delle Ultreyas;

 

b) Elezione dei Responsabili dei Gruppi Operativi;

 

c) Indicazione, da parte della Scuola Responsabili, della terna dei candidati alla carica di Coordinatore Diocesano;

 

d) Elezione del Coordinatore Diocesano, da parte del Gruppo di Coordinamento;

 

e) Designazione dell’Animatore Spirituale Diocesano.

 

Responsabili dei gruppi operativi

 

Art. 23

 

Quanti e quali Gruppi Operativi. Facendo riferimento all’art. 14 del presente Regolamento, ogni diocesi può formare quanti gruppi considera necessari.

 

Ciascun Gruppo Operativo deve essere composto da almeno tre persone.

 

Chi può essere eletto. Sono eleggibili alla carica tutti coloro che avendo aderito all’Associazione, partecipano assiduamente e attivamente alla Scuola Responsabili da almeno tre anni.

 

Chi ha diritto al voto. Sono elettori tutti coloro che all’atto dell’adesione all’Associazione con il conseguente ingresso nella Scuola Responsabili hanno scelto lo specifico Gruppo e vi hanno partecipato assiduamente.

 

È consentito cambiare Gruppo Operativo durante l’anno di svolgimento delle elezioni, ma, in questo caso, non si può diventarne Responsabile.

 

Le votazioni vanno svolte con voto segreto utilizzando schede opportunamente predisposte e vidimate al momento delle elezioni.

 

Non sono ammesse deleghe né voti in busta chiusa.

 

Si può esprimere una sola preferenza.

 

Risulta eletto chi ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti di coloro che sono presenti; dopo due scrutini inefficaci, la votazione verte sopra i due candidati che hanno ottenuto la maggior parte dei voti, o, se sono parecchi, sopra i due più anziani di età; dopo il terzo scrutinio, se rimane la parità, si ritene eletto colui che è più anziano di età come da can. 119 C.J.C.

 

Per quanto non espressamente scritto, valgono le norme generali dell’art. 21 del presente Regolamento e del can. 119 C.J.C.

 

Designazione della terna da affidare al gruppo di coordinamento per la nomina del coordinatore

 

Art. 23 bis

 

Nello stesso luogo e nello stesso giorno stabilito per l’elezione dei responsabili dei Gruppi Operativi, si svolgeranno le votazioni per la designazione della terna dei nomi da consegnare al nuovo Gruppo di Coordinamento per l’elezione del Coordinatore.

 

Chi può essere indicato. Per l’indicazione dei tre nomi è opportuno che coloro che sono chiamati a votare, tengano esclusivamente conto di fratelli o sorelle ai quali sono riconosciute qualità spirituali e umane, possibilità e capacità di svolgere l’incarico, e che facciano parte della lista degli aderenti all’Associazione.

 

Chi può votare. Sono chiamati a votare tutti coloro che sono stati inseriti nella lista degli aderenti all’Associazione (coloro che hanno partecipato attivamente, negli ultimi tre anni, alla Scuola Responsabili) predisposta dal Gruppo di Coordinamento uscente.

 

Le votazioni vanno svolte con voto segreto utilizzando schede opportunamente predisposte e vidimate nel momento delle elezioni.

 

Non sono ammesse deleghe né voti in busta chiusa.

 

Si possono esprimere due preferenze.

 

Risulteranno inseriti nella terna i primi tre nominativi che hanno riportato il maggior numero di voti.

 

Per quanto non espressamente scritto, valgono le norme generali dell’art. 21 del presente Regolamento e del can. 119 C.J.C.

 

Coordinatore

 

Art. 24

 

Al nuovo Coordinamento Diocesano, ovvero ai neo-eletti Responsabili di Ultreya e dei Gruppi Operativi costituiti in diocesi, unitamente all’Animatore Spirituale, al Coordinatore Diocesano e al Responsabile del Gruppo Scuola uscenti, spetta eleggere il nuovo Coordinatore Diocesano, come indicato all’art. 15 dello Statuto, utilizzando la rosa dei tre nomi proposti dalla Scuola Responsabili.

 

L’elezione si svolgerà con voto segreto su schede opportunamente predisposte e vidimate al momento delle elezioni.

 

Non sono ammesse deleghe né voti in busta chiusa.

 

Si può esprimere una sola preferenza.

 

Risulta eletto chi ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti di coloro che sono presenti; dopo due scrutini inefficaci, la votazione verte sopra i due candidati che hanno ottenuto la maggior parte dei voti, o, se sono parecchi, sopra i due più anziani di età; dopo il terzo scrutinio, se rimane la parità, si ritene eletto colui che è più anziano di età.

 

Animatore Spirituale

 

Art. 25

 

La sua designazione spetta al Vescovo, che lo sceglie tra una terna di nomi proposta dal Gruppo Sacerdotale.

 

Art. 26

 

In seguito alla designazione dell’Animatore Spirituale da parte del Vescovo, il nuovo Coordinamento Diocesano provvede alla composizione del gruppo Scuola che, a sua volta, elegge il proprio responsabile.

 

In questo modo il nuovo Coordinamento è da considerare completo e può avviare l’attività del nuovo triennio.

 

Quale suo primo atto ufficiale il nuovo Coordinamento ha un incontro con il Vescovo e comunica la propria composizione al Coordinatore Territoriale, il quale, a sua volta, lo comunica alla Segreteria Nazionale.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimo aggiornamento (Sabato 06 Settembre 2014 09:44)